FANDOM


Yoshimura

Yoshimura manga

Yoshimura1||

Dati biografici
Nome Yoshimura
Nome Giapponese 芳村 (よしむら)
Romaji Yoshimura
Alias Kuzen
Capo (店長 Tenchō)
Gufo che Non Uccide
Specie Ghoul
Stato Catturato (manga)
Vivo (anime)
Genere Maschio
Affiliazioni Anteiku
V (disertato)
Parenti Ukina (compagna)
Eto (figlia)
Circoscrizione Circoscrizione 20
Tipo Rc Ukaku - Kakuja
Status Particolare Kakuja
Rating SSS[1]
Debutto manga Capitolo 1
Debutto anime Episodio 1
Seiyuu Takayuki Sugō
Taiten Kusunoki (Kuzen)
Voce Italiana Bruno Alessandro
Spettacolo Teatrale Tadayoshi Katō
Galleria Immagini

Yoshimura (芳村,Yoshimura) è un ghoul di rango SSS ed era il capo dell'Anteiku.

Cerca di aiutare i ghoul che non possono provvedere a loro stessi. Accoglie Ken Kaneki come cameriere nel bar e gli mostra come vivere come ghoul.

Sotto le sembianze del Gufo con un Occhio Solo (隻眼の梟,Sekigan no Fukurō) ha ripetutamente cercato di coprire le azioni del Gufo. Dopo aver capito che ci sono due Gufi, gli investigatori hanno cominciato a chiamarlo il Gufo che Non Uccide (不殺の梟, Fusatsu no Fukurō).

Il Gufo da un Occhio Solo (o Gufo con il Sekigan nella traduzione ufficiale) si rivela essere la progenie di Yoshimura e di un'umana di nome Ukina.

In passato, era conosciuto come Kuzen (功善, Kuzen).

Aspetto fisicoModifica

Yoshimura ha capelli bianchi pettinati all'indietro. I suoi occhi sono chiusi, solitamente. Un uomo alto, potente che di solito è vestito con la divisa da cameriere. Quando viaggia indossa sempre un mantello nero e un cappello. Sorride spesso con la testa alta e le braccia dietro la schiena. Con una composta tranquillità e il suo carattere discreto, Yoshimura è sia un uomo enigmatico sia un gentiluomo.

La maschera da ghoul di Yoshimura copre metà del viso, con un becco adunco che lo fa assomigliare ad un gufo. Nella sua forma Kakuja, il Kagune di Yoshimura crea una maschera che assomiglia alla maschera del Gufo da un Occhio Solo, con piccole differenze nella lunghezza della linea della bocca e nelle curve degli incavi degli occhi.

PersonalitàModifica

È un uomo gentile e generoso, un esempio di saggezza e generosità nella comunità dei ghoul. Molte persone, come anche Nishiki Nishio in passato, a volte si domandano come mai abbia deciso di diventare la guida pacifista della Circoscrizione 20, ma ad ogni modo, è affidabile ed un capo giusto. In quanto capo dell'Anteiku, non teme di mostrare la sua autorità, rispettata dai membri dell'Anteiku e dai ghoul delle altre Circoscrizioni. Anche se è una caratteristica inusuale tra i ghoul, Yoshimura rispetta e considera come pari sia i ghoul che gli umani.

La sua natura gentile e giusta contrasta con quella aspra del passato. Da giovane era chiamato semplicemente Kuzen, ed è sempre stato costretto a vivere solo a causa della sua forza, che lo isolava dagli altri. Evitava gli altri e non apriva il suo cuore a nessuno. Odiava la sua natura di ghoul, in quanto la considerava una maledizione perché era costretto a uccidere per sopravvivere.

Dopo aver incontrato Ukina, cambia in positivo. Inizia lentamente a fidarsi di lei, arrivando ad amarla immensamente. È in seguito alla sua relazione con Ukina che deciderà di creare l'Anteiku e di aiutare le persone in difficoltà.

Dalla relazione di Kuzen e Ukina nasce Eto. Yoshimura prova un grande affetto e istinto paterno nei confronti della figlia, che cerca di proteggere come può. Affida la bambina a Noroi nella Circoscrizione 24 per proteggerla da V e finge di essere il Gufo nella Circoscrizione 2 per sviare le indagini del Comando Anti Ghoul da sua figlia.

Yoshimura considera la vita un dono e aborre gli umani e i ghoul che uccidono per diletto. È per questo che durante il terzo attacco del "Gufo" nella Circoscrizione 2 e durante l'attacco al covo di Aogiri non uccide nessuno, limitandosi a ferire gli investigatori.

Anche se ha rinunciato ad uccidere dopo aver lasciato V, Yoshimura sa bene che le sue azioni passate hanno causato dei danni irreversibili. Per questo si considera "malvagio" ed è pronto a morire per espiare i suoi peccati. Nonostante tutto, in casi estremi, è disposto a uccidere per proteggere le persone a lui care, come i suoi subordinati.

Storia Modifica

Passato Modifica

L'uomo che alla fine divenne Yoshimura era conosciuto come Kuzen. Kuzen era un Ghoul che ha vissuto sempre da solo. Come ghoul, ha dovuto mangiare gli esseri umani per sopravvivere, ma si cibava anche di altri ghoul. Anche se Kuzen malediva la sua esistenza come ghoul, ha sempre continuato a vivere così. Tanto più la sua forza e le capacità aumentavano, tanto più il nome Kuzen e la sua reputazione divenne conosciuto e ciò attirò l'attenzione di organizzazione, conosciuta come V.

V offrì a Kuzen una posizione di "risolutore" all'interno della loro organizzazione. Kuzen accettò e grazie alla sua posizione, era in grado di sfamarsi uccidendo sia umani che ghoul. Anche se Kuzen non aveva più bisogno di preoccuparsi delle necessità primarie come il nutrirsi, non considerò mai l'organizzazione come una casa, ma piuttosto come un lavoro come un altro. Di conseguenza, Kuzen continuò a vivere una vita solitaria.

Tuttavia un giorno, mentre ordinava un caffè in un bar che di solito frequentava, conobbe una donna umana di nome Ukina. Pur essendo una persona solitaria, Kuzen a poco a poco si avvicinò a lei continuando a tornare al bar e cominciò ad aprirle il suo cuore.

Famiglia

Ukina, Kuzen e la piccola Eto

A un certo punto, Ukina scoprì la vera identità di Kuzen. Kuzen pensava che avrebbe dovuto ucciderla per aver scoperto il suo segreto, ma lei lo abbracciò, capendo quanto aveva sofferto avendo sempre dovuto vivere da solo.

Quest’evento rafforzò la loro relazione e divennero amanti. A un certo punto Ukina rimase incinta. Anche se entrambi volevano il bambino, Kuzen sapeva che le speranze di sopravvivenza per la creatura ibrida, parte umana e parte ghoul, erano estremamente basse, in quanto il feto sarebbe morto senza il nutrimento adeguato. Kuzen spiegò la situazione a Ukina, dicendo che solo un “miracolo” poteva salvare il feto. Ukina decise di compiere il miracolo e, durante la gravidanza, iniziò a cibarsi di carne umana. Questo aiutò ad innalzare la speranza di vita del feto, che alla fine nacque in salute.

Mentre Kuzen e Ukina vivevano insieme crescendo la loro bambina, Kuzen notò il diario di Ukina e scoprì che il realtà non era una cameriera, ma una giornalista che stava indagando su V e che aveva scoperto molti dei suoi segreti. Yoshimura afferma che sia lui che Ukina erano ignari della vera identità l’uno dell’altra e che si erano incontrati per caso.[2] Alla fine, V scoprì la loro relazione e ordinò a Kuzen di uccidere Ukina per proteggere l’organizzazione, in quanto la donna era una minaccia. Dato che l’organizzazione era troppo potente, Kuzen, tra le lacrime, du costretto a uccidere Ukina. Anche nei suoi ultimi istanti Ukina continuava a preoccuparsi per Kuzen. Dopo la sua morte, Kuzen lasciò V ma, non riuscendo a tagliare completamente i ponti con l’organizzazione, affidò Eto a un conoscentel della Circoscrizione 24[3], in modo che V non potesse trovarla. Lasciò alla piccola il diario di sua madre.

Yoshimura vs arima

Yoshimura vs Arima

Col passare del tempo, Kuzen, conosciuto poi come Yoshimura, sentì parlare della comparsa del Gufo da un occhio solo, un ghoul che odiava il mondo. Si convinse subito che si trattasse di sua figlia. Yoshimura aveva sentito che il Gufo era rimasto ferito durante un attacco contro la CCG e temendo che V avrebbe potuto scoprire che il Gufo era sua figlia e prenderla di mira, Yoshimura attaccò la Circoscrizione 2 per la terza volta al posto di sua figlia.[2] Il team di investigatori non fu in grado di abbattere Yoshimura, ma il geniale investigatore di Secondo Grado, Kishou Arima, ai tempi diciannovenne, usando i quinque degli investigatori speciali, riuscì a sconfiggere il quello che credevano fosse il Gufo, conquistando un’importante vittoria per la CCG. Il Gufo, gravemente ferito, sparì per i successivi 10 anni. [1]

Differenza nell'anime (Root A) Modifica

In Tokyo Ghoul √A, si presume che Ukina fosse davvero una semplice cameriera, dato che non viene menzionata la storia del diario e che fosse in realtà una giornalista che investigava su V. Viene uccisa dai membri di V mentre, insieme a Kuzen ed Eto, cercano tutti di scappare.

Modifica

Quando Ken Kaneki si reca all’Anteiku per chiedere aiuto a Touka, Yoshimura gli offre un pezzo di carne umana per saziare la sua fame, dopo che Touka si rifiuta di aiutarlo.[4]

Yoshimura dice a Kaneki che appartiene a entrambi i mondi

Yoshimura dice a Kaneki che appartiene a entrambi i mondi.

Dopo aver offerto riparo a Hide e Kaneki dopo lo scontro con Nishiki Nishio, il capo ascolta Kaneki, che è disperato per aver quasi ferito il suo amico e che, dopo essere diventato un ghoul, teme di non avere più un posto al mondo, in quanto parte umano e parte ghoul. Yoshimura lo rincuora, spiegandogli che è un modo di pensare sbagliato, al contrario, la sua nuova natura lo rende l’unico in grado di appartenere a entrambi i mondi. Offre a Kaneki l’opportunità di unirsi all’Anteiku come cameriere part-time, in modo che possa insegnargli a vivere come ghoul nel mondo umano.[5]

Emergenza delle ColombeModifica

Per coprire lo scontro tra Kaneki e Nishiki, Yoshimura mente a Hide, dicendogli che sono stati coinvolti in un incidente automobilistico. Dopo che Kaneki inizia a lavorare all’Anteiku, Yoshimura gli mostra come mangiare un sandwich come un umano. Ryouko Fueguchi e sua figlia Hinami vengono poi accompagnate da Touka a ritirare la loro carne dal capo, in quanto non sanno cacciare da sole.[6]

Quando inizia a girare voce che le colombe sono arrivate nella circoscrizione 20, Yoshimura chiede a Touka di accompagnare Kaneki da Uta all’HySy ArtMask Studio, un negozio di maschere nella Circoscrizione 4.

In un’altra occasione, il capo chiede a Kaneki di aiutare Renji Yomo con le “scorte di cibo“, vale a dire, recuperare i cadaveri degli umani che si sono suicidati.[7]

Ryouko ringrazia il capo per quello che ha fatto per loro e gli comunica che inizierà a trovare cibo come fa Yomo in quanto non vuole ferire gli umani. Yoshimura la rassicura che la cosa importante è aiutarsi e, insieme a Kaneki, saluta Ryouko e Hinami.

Yoshimura e Touka non concordano

Yoshimura e Touka non concordano.

Yoshimura raduna lo staff dell’Anteiku per spiegare che Ryouko è stata uccisa dagli investigatori e che dopo averla nascosta per un po’, dovranno trasferire Hinami nella Circoscrizione 24. Touka non vuole che Hinami finisca in un posto simile e proclama di voler vendicare la morte di Ryouko, Yoshimura si rifiuta di farsi coinvolgere perché non vuole attirare ulteriormente l’attenzione delle colombe, spiegando che non rispondere all’attacco è la soluzione migliore. Touka non concorda e il capo le ricorda di non farsi prendere dalla vendetta correndo il rischio di non andare avanti con la propria vita. Quando Touka se ne va infuriata, Yoshimura ripete a Kaneki e agli altri di non fare mosse avventate.[8]

Dopo che Touka attacca da sola gli investigatori e rimane ferita, Kaneki vorrebbe medicarla, ma il capo lo ferma, dicendogli che se Touka ha agito da sola allora era pronta a prendersi tutte le responsabilità, in quanto l’Anteiku da solo non può sperare di averla vinta contro la CCG. Kaneki rispetta l’opinione del capo, ma gli risponde che deve prima capire come funziona il mondo dei ghoul con i suoi occhi e va ad aiutare Touka.[9]

Dopo gli scontri di Touka e Hinami contro Kureo Mado e di Kaneki contro Koutarou Amon, il capo è visto vegliare sulla situazione da lontano mentre Touka, Hinami, Kaneki e Yomo tornano a casa.[10] Dopo l’incidente, Yoshimura è felice che, pur essendo nato umano, Kaneki abbia combattuto per i ghoul. Poi informa Kaneki che Hinami si è trasferita a casa di Touka[11]

Arco del GourmetModifica

Dopo la disavventura di Kaneki al Ristorante dei Ghoul, Yoshimura parla dei ghoul che hanno soppresso le loro emozioni e hanno dimenticato il valore della vita. Poco dopo, lui e Yomo discutono del pericolo rappresentato da Shuu Tsukiyama, in quanto si è avvicinato a Kaneki. Yoshimura conclude che crede in Kaneki e deve affrontare lìeventuale pericolo da solo se vuole crescere[12]

Dopo lo scontro con Tsukiyama, Yoshimura accetta di assumere Nishiki Nishio all’Anteiku.[13]

Arco di AogiriModifica

Kaneki viene rapito da Yamori e altri membri di Aogiri mentre il capo stava indagando, assieme a Yomo, sugli investigatori di Ghoul uccisi da Aogiri. Quando Yoshimura e Yomo tornano all'Anteiku, trovano Touka per terra ferita gravemente. Yoshimura, dopo aver sentito che Kaneki è stato rapito, decide di chiudere il locale per un po'.[14]

Yoshimura e staff Anteiku

Yoshimura e lo staff dell’Anteiku.

Quando sono tutti riuniti all'Anteiku, Yoshimura dice che arriveranno altre persone, ma che possono cominciare. Dice che probabilmente non saranno più in grado di rivedere Kaneki mai più. [15] Mentre Touka rimane in silenzio, tutti gli altri iniziano a protestare. Touka, con un espressione risoluta[16], dice che se il capo non andrà a salvarlo, lo farà lei. Nishio e Hinami concordano. Yoshimura allora conferma che ha sempre avuto intenzione di aiutare Kaneki, voleva solo far capire a tutti che non può garantire la loro incolumità e che devono essere pronti a rischiare le loro vite. Aggiunge che lui, Yomo e Kaya Irimi li aiuteranno. A quel punto, Yoshimura chiede a Shuu Tsukiyama di farsi avanti. Touka e Nishiki sono sorpresi che sia ancora vivo e non vogliono che combatta con loro. Yoshimura tuttavia dice che sarà un utile alleato e Yomo li rassicura che baderà lui a Tsukiyama. Poco dopo Uta e Itori li raggiungono portando le maschere per cammuffarsi da ghoul di Aogiri e la piantina del loro covo. Anche Uta si unirà alla missione di salvataggio. Alla fine, tutti i membri dell'Anteiku, tranne Enji Koma, che rimane a fare la guardia al locale, si recano nella Circoscrizione 11, dove si trova il covo di Aogiri.

Durante l’attacco della CCG al covo di Aogiri, che è composto da diversi edifici, Yoshimura dice a Irimi e Hinami che il suo compito sarà di “guadagnare tempo”, dopo che loro due individuano gli investigatori di Classe Speciale con i loro quinque.

YoshimuraKakuja

Yoshimura appare davanti agli investigatori.

Poco dopo, Yoshimura viene visto azionare il suo kagune e combattere contro gli investigatori speciali Yukinori Shinohara e Iwao Kuroiwa come il “Gufo”.[17]

Yoshimura chiede se anche oggi c’è con loro il giovane che 10 anni prima gli tagliò le braccia. Parlando con Shinohara, dice che ha sentito che ha fatto carriera, dicendo che forse avrebbe dovuto amputargli il braccio come aveva fatto con il suo superiore anni prima.[1]

Shinohara, Kuroiwa, con le loro armature Arata proto, Take Hirako e altri investigatori iniziano a combattere contro Yoshimura e si trovano in difficoltà. Essendo alle strette, Shinohara e Kuroiwa sono costretti ad azionare Arata al massimo. Yoshimura commenta che quell’arma è raccapricciante e inizia a parlare di come l’atto di uccidere qualcuno sia sempre e comunque sbagliato. Aggiunge che, se il concetto di anima esiste, allora Arata sembra non voler collaborare con gli investigatori. Dopodiché, fugge, senza aver ucciso nessuno, come confermato da Kuroiwa. Aggiunge che il Gufo contro cui si era scontrato anni prima gli sembrava diverso.[18]

Assalto al laboratorio di KanouModifica

Shinohara e Suzuya si recano all'Anteiku, in quanto sanno che Ken Kaneki lavorava lì prima di scomparire. Roma Hoito ha paura di loro e Touka, appena tornata da scuola, vedendo che si trova a disagio, va a prendere le loro ordinazioni al suo posto Yoshimura si scusa con Touka per la situazione.

Shinohara saluta Yoshimura

Shinohara saluta Yoshimura.

Shinohara dice che stanno investigando su Ken Kaneki, fa delle domande a Touka. Dopo un po’, Yoshimura poi continua il discorso con Shinohara lasciando intendere che Kaneki era un bravo ragazzo. Aggiunge che era di salute cagionevole dopo aver subito un'operazione dopo un incidente, che doveva prendere delle medicine e faceva fatica mangiare normalmente. Conclude infine menzionando l’intenzione del ragazzo di andarsene presto in qualche posto lontano. Shinohara lo ringrazia, dice che il caffè è buonissimo e che ritorneranno. Yoshimura risponde con un sorriso.[19]

Yoshimura chiede a Touka come stanno andando gli studi e cosa le piacerebbe studiare all'università.[20] Touka dice che non è ancora sicura, ma le interessa biologia, per studiare gli umani e forse i ghoul. Poi vorrebbe diventare un'insegnante visto che le piace la scuola, ma pensa che con il suo carattere impulsivo forse non è possibile. Yoshimura la rassicura che è importante essere in grado di esprimere la propria rabbia, a patto che sappia indirizzare questi sentimenti nella direzione giusta. Le consiglia di ascoltare gli altri e rispondere di con quello che prova. Il capo è sicuro che ci saranno persone che saranno aiutate dalle parole di Touka. E a proposito di essere d'aiuto, chiede a Touka di andare a comprare le scorte di caffè.

Dopo l’assalto al laboratorioModifica

Kaneki parla con il capo

Kaneki parla con Yoshimura

Kaneki si reca all’Anteiku per parlare col capo e per capire il legame tra il Gufo e Yoshimura. L’anziano ghoul inizia a spiegare che anni addietro c’era un ghoul forte e solitario di nome Kuzen, che per via della sua forza venne contattato da una certa organizzazione. Kuzen si unì a loro e con il compito di uccidere gli umani e i ghoul che si opponevano all’organizzazione. Dopo aver iniziato a lavorare per loro, Kuzen aveva di che vivere, ma rimaneva comunque solo. Conobbe una donna umana che lavorava in un café, Ukina. Anche dopo aver scoperto che Kuzen era un ghoul, lei lo accettò ed ebbero una figlia. Scoprì poi che Ukina era in realtà una giornalista che stava indagando sull’organizzazione. Anche l’organizzazione venne a sapere di Ukina e, come punizione, Kuzen fu costretto ad ucciderla, dato che l’organizzazione era troppo potente e non poteva opporsi. Per cercare di proteggerla dalla potente organizzazione, Kuzen lasciò sua figlia e il diario di Ukina nella circoscrizione 24. Anni dopo, il Gufo iniziò a mietere vittime e capendo chi fosse, Kuzen, alias Yoshimura, iniziò a coprire le sue azioni per proteggerlo. Yoshimura dice nuovamente a Kaneki che lui può capire sia il mondo degli umani che quello dei ghoul e le parti di se stesso che sta cercando di gettar via, sono quelle che lo rendono completo. Il capo gli dice che è una questione di scelte, ma spera che in futuro Kaneki possa salvare molte persone, inclusa sua figlia.[2]

Assalto all’Anteiku e Soppressione del GufoModifica

Yoshimura si rifiuta di collaborare con Kaiko e V

Yoshimura si rifiuta di collaborare con Kaiko e V.

Kaiko e altri membri di V fanno visita a Yoshimura, offrendogli di tornare con loro se gli avesse rivelato dove si trova il Gufo. Infatti, a questo punto V sembra sapere che il Gufo è il "figlio" di Yoshimura. Lui risponde tranquillamente che non ne sa niente e che non ha alcun figlio. Rifiutando l'offerta, Kaiko gli dice di morire e che non c'è via d'uscita per un uccello in gabbia come lui.[21]

Dopo aver saputo tramite Yomo, informato a sua volta da Kaneki che l’Anteiku verrà attaccato dalla CCG, Yoshimura chiede a Yomo di prendersi cura di Touka, Nishiki e Rize Kamishiro. Enji Koma ha finito di sistemare il locale e Kaya Irimi si è sbarazzata dei documenti. Yoshimura li ringrazia, ripensa al passato e al resto dello staff dell’Anteiku. Koma e Irimi gli confermando che rimarranno con lui fino alla fine e, sorridendo, Yoshimura ripensa a Ukina e a sua figlia. Tuttavia, mentre le truppe della CCG stanno per attaccare l’Anteiku, capisce che il suo desiderio non si è avverato.[21]

Dopo l’inizio dello scontro, Yoshimura appare attaccando le truppe della CCG. Dopo aver azionato il kakuja, inizia a parlare dei mali del mondo, prima di uccidere i soldati vicini. Fissa Yoshitoki Washuu, che risponde a Yoshimura dicendo di non guardarlo così, è solo lavoro.[22] Dopo aver ucciso numerosi investigatori, incontra nuovamente Shinohara e Iwao Kuroiwa che lo attaccano insieme prima di essere colpito dal quinque di Houji.

Yoshimura vs investigatori speciali

Yoshimura contro gli investigatori di classe Speciale

Continuando a parare i colpi, Yoshimura inizia a irritarsi un po’ per via di quel modo di combattere, tanto da dirlo apertamente. In seguito, si uniscono a questo scontro anche Suzuya e Ui. Nel corso dello scontro, Ui riesce a colpire il torso di Yoshimura e Suzuya riesce a tagliargli il braccio sinistro, ma finisce per perdere la gamba destra. Ferito, Yoshimura si erge un’ultima volta sul tetto prima di essere battuto definitivamente dall’attacco di Houji. La CCG non fa in tempo ad esultare per aver sconfitto il nemico che il vero Gufo da un occhio solo fa la sua comparsa nella sua forma kakuja, attaccando gli investigatori. Il Gufo non ha problemi ad occuparsi degli investigatori presenti, ma l’arrivo di Arima cambia la situazione. Venendo ferito da Arima, il Gufo ingoia Yoshimura, gravemente ferito, e scappa. Dopo averlo rigurgitato, viene confermato per la prima volta che Eto è non solo il Gufo, ma anche la figlia di Yoshimura.[23]

Dopo l’assalto all’AnteikuModifica

Yoshimura catturato

Yoshimura catturato da Aogiri

Yoshimura viene tenuto prigioniero all’interno di una tanica di vetro, un po’ come Rize Kamishiro quando era prigioniera di Kanou nel vecchio laboratorio. Il suo kakuhou viene estratto, fatto ricrescere ed estratto più e più volte per essere trapiantato in soggetti umani, proprio come era successo a Kaneki. Si vede Eto intenta a parlare col dottor Kanou e Tatara, suggerendo che dovranno semplicemente sostituire Kaneki, creandone un altro, usando il kakuhou di suo padre e gli investigatori rapiti, che sono più forti delle persone comuni e sono ottimi per condurre esperimenti. [24]

Si scoprirà che Seidou Takizawa è diventato un ghoul con un occhio solo in seguito al trapianto di kakuhou.

Post Operazione di Sterminio degli TsukiyamaModifica

Tramite dei flashback, Matasaka Kamishiro, dopo il secondo assalto a Cochlea, in occasione del quale viene liberato, viene visto parlare con Yoshimura. Matasaka ha capito che Eto è la figlia di Yoshimura e il proprietario dell'Anteiku accetta di prendersi cura di Rize. In cambio, Shachi terrà d'occhio Eto.[25] Questo è il motivo per cui Rize viene salvata da Yomo quando Kaneki attacca il laboratorio di Kanou.

Dopo il raid all’Anteiku, Shachi trova Yomo e Nishio per portare via Rize, aggiungendo che Yoshimura è prigioniero di Eto e Aogiri.[26]

Curiosità Modifica

  • È interessante notare che, come sua figlia Eto, il suo Kagune è classificato come un Ukaku, ma in realtà le loro forme e funzioni sono simili a quelle di un Koukaku.
  • Nel manga Yoshimura uccide, con molta sofferenza, Ukina su ordine dell'organizzazione V, mentre nella seconda stagione di Tokyo Ghoul (Root A), Yoshimura scappa assieme a Ukina e alla figlia e poi un membro dell'Organizzazione V uccide la compagna.
  • Yoshimura è un grande appassionato di giochi di parole, come sottolineato nel CD Drama Oma-bien, la cui sceneggiatura è di Ishida.
  • Nelle Carte da Gioco di Tokyo Ghoul, è il Re di Fiori.
  • Nel Calendario 2016 di Tokyo Ghoul appare con Touka e Kaneki nel giorno del sandwich (13 marzo) e nel giorno del fonografo (31 luglio).

NoteModifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale