FANDOM


V

Membri di V

V (Vasuki) è un'organizzazione segreta che opera nell'ombra per mantenere l'"equilibrio" tra il mondo dei ghoul e quello umano. Dato che questo "equilibrio" è a rischio a causa dell'Albero di Aogiri, mirano a eliminare il Gufo con Sekigan e l'organizzazione terroristica.[1] In Tokyo Ghoul:re si viene a conoscenza che l'organizzazione collabora con il Clan Washuu.

EventiModifica

Yoshimura, un tempo conosciuto come Kuzen, era uno dei "risolutori" dell'organizzazione e si occupava di uccidere e far sparire elementi scomodi, sia ghoul che umani. Conobbe un'umana, Ukina, si innamorarono e lei rimase incinta. In seguito, Kuzen scoprì che lei era una giornalista che stava investigando su V. V scoprì la loro relazione e Kuzen fu costretto a uccidere Ukina su ordine dell'organizzazione, troppo potente per poter rifiutare. Kuzen poi abbandonò V, ma non riuscendo a tagliare completamente i ponti e temendo per l'incolumità di sua figlia Eto, fu costretto ad abbandonarla nella Circoscrizione 24, lontano dalle grinfie di V, lasciandole il diario di sua madre.

Crescendo, Eto, conosciuta come il Gufo da un Occhio Solo, iniziò a portare violenza e distruzione ovunque andasse, diventando una minaccia per la CCG e, per paura che la figlia diventasse l'obiettivo di V, Yoshimura cercò di coprirla usando a sua volta l'identità del Gufo.

Prima del raid all'Anteiku, Kaiko e altri membri di V fanno visita a Yoshimura, offrendogli di tornare con loro se gli avesse rivelato dove si trova il Gufo. Infatti, a questo punto V sembra sapere che il Gufo è il "figlio" di Yoshimura. Lui risponde tranquillamente che non ne sa niente e che non ha alcun figlio. Rifiutando l'offerta, Keiko gli dice di morire e che non c'è via d'uscita per un uccello in gabbia come lui.

Eto rivela a Kaneki che Rize fa, o almeno faceva, parte di V, e che anni prima era scappata dall'organizzazione. Viene rivelato che gli scanner per le analisi Rc, che riconoscono un ghoul da un umano scansionandone le cellule Rc, sono impostati in modo tale da non far scattare gli allarmi se riconoscono i quinque degli investigatori e i ghoul di V. Per questo motivo, quando l'investigatore Kureo Mado fece passare Kaneki attraverso uno di questi cancelli, non è suonato nessun allarme, in quanto la maggior parte delle sue cellule Rc vengono dal kakuhou di Rize, membro di V.[2]

In seguito Kaiko discusse con Kishou Arima e Nimura Furuta dell'arresto e della probabilità che il Gufo con un occhio solo fosse il Re con un occhio solo. Entrambi gli agenti rispondono che è altamente possibile. Ordinò ad Arima di sterminare Matasaka Kamishiro a causa del suo legame familiare con Rize e incaricò Furuta di controllare Kaneki ed Eto.

Furuta in seguito informò Eto durante una delle sue visite a Cochlea che V ordinò alla morte del suo editore Shunji Shiono a causa del suo ruolo nel pubblicare il romanzo che esponeva la loro cospirazione al pubblico in generale. Durante il terzo Attacco di Cochlea, Furuta riavviò la pressa e schiacciò i ghoul che lo stavano usando per fuggire nelle fogne, mentre numerosi membri di V stavano dietro di lui. Questi altri agenti furono poi uccisi durante il loro scontro con Eto mentre usava il suo kakuja per aiutare i fuggiaschi sopravvissuti a fuggire dal centro di detenzione dei ghoul.

Successivamente Kaiko collaborò all'assassinio del presidente del CCG, Tsuneyoshi Washuu e al massacro del Clan Washuu (tranne Matsuri Washuu) insieme a Uta, Donato Porpora e Furuta.

Gli agenti di V vengono mandati alla Circoscrizione 22 per eliminare il battaglione delle Giacche Bianche guidati dal Re senza nome. Sono descritti come una leggenda metropolitana che serve il Clan Washuu. Si designano come investigatori speciali del ramo principale e un investigatore senza nome afferma che loro appaiono quando il nemico diventa pericoloso.

Souta rimprovera che il dispiegamento di agenti V per rafforzare il CCG è stato abbastanza rapido e ha liquidato l'organizzazione di Ken Kaneki come misera, a causa del suo ragionamento secondo cui ingaggiando agenti V,, il CCG designerà loro e i Clown come minacce da sterminare. Souta ordina ai suoi membri di considerare sia i Clown che la Capra Nera nemici.

Kaiko viene visto mentre cammina verso il Laboratorio del CCG con i suoi subordinati mentre discute del battaglione delle Giacche Bianche come membri delle forze di Kaneki. Kaiko osserva che Souta è più intelligente di quanto sembri. I suoi subordinati menzionano affari con Rize Kamishiro ma Kaiko afferma di non avere motivo di ritenere che le informazioni relative al problema siano trapelate. Osserva che Kuzen ha lasciato loro un dono fastidioso e che questi Ghoul che minacciano la "pace" devono essere eliminati.

Kaiko ed i suoi subalterni in seguito hanno teso un'imboscata al capo della Squadra S2 Matsuri Washuu per liquidarlo. Matsuri interroga Kaiko se l'assalto fosse opera di Furuta, degli agenti di V e di investigatori e Clown scelti proprio da Furuta. Kaiko conferma tali cose e dice gli Washuu sono diventati un grosso problema per V. Matsuri promette di sopravvivere all'imboscata ma alla fine viene sconfitto (in seguito si scopre che Matsuri è sopravvissuto all'attacco di Kaiko).

Membri Affiliati Modifica

Collaboratori Modifica

Differenze nell'Anime Modifica

Nell'anime ci sono alcune differenze. Quando V scopre la famiglia di Kuzen e il suo tradimento, cerca di ucciderli tutti.

Kuzen scappa con la sua famiglia, ma durante la fuga Ukina (che si presume sia davvero una semplice cameriera, dato che non viene menzionata la storia del diario e che fosse in realtà una giornalista che investigava su V) viene uccisa. Kuzen è costretto a lasciare momentaneamente sua figlia in una costruzione abbandonata. Quando ritorna per riprendere sua figlia, dopo essere scampato all'attacco di V, scopre che è stata portata via.

Galleria ImmaginiModifica

Nel MangaModifica

Nell'AnimeModifica

Note Modifica

  1. Tokyo Ghoul Capitolo 125
  2. Tokyo Ghoul:re Capitolo 64