FANDOM


Sconvolgere la situazione
Sit
Info capitolo
Volume: 3
Capitolo: 28
Titolo Giapponese: 場乱す
Titolo Romaji: Ba imasu
Titolo Italiano: Sconvolgere la situazione
Pagine: 18
Data di uscita: 14 Maggio 2015
Cronologia capitoli
Precedente Successivo

"Sconvolgere la situazione" è il capitolo 28 di TG:re

Personaggi Modifica

Sommario Modifica

Seidou Takizawa fa i suoi effetti sonori mentre si muove così velocemente che è in grado di correre su un edificio mentre trascina Haise Sasaki. Una volta in cima, Takizawa lancia Sasaki attraverso il soffitto di vetro della Sala Grande. Takizawa si emoziona vedendo che Sasaki è atterrato su un palco e decide che dovrebbero suonare. Dice a Sasaki quali dovrebbero essere le sue battute.

Nella sala dei monitor del Palazzo amministrativo, Ginshi Shirazu ha scoperto il trucco dietro le trappole esplosive di Nutcracker. Shirazu, Saiko Yonebayashi e Naoto Hayashimura si raggruppano per passare al piano successivo. Hayashimura emerge e attacca Nutcracker, facendola fuggire in aria. Shirazu lancia quindi proiettili ukaku, colpendo il soffitto. La trappola di Schiaccianoci si innesca e viene impalata dal suo kagune staccabile. Shirazu chiama Yonebayashi, poi rilascia un attacco di potere che può essere visto solo in seguito. Gashes e distruzione pizzicano la stanza. Hayashimura fissa shockato, non sicuro di chi siano i veri mostri. Lo schiaccianoci rimane ferito sul pavimento. Shirazu si avvicina, pensando a Haru e ai soldi che guadagnerà con lo Schiaccianoci prima di finire il colpo finale.

La vita dello Schiaccianoci lampeggia davanti ai suoi occhi e le sue ultime parole sono di voler essere belle. Shirazu è sorpreso ma cerca di spazzare via le sue parole dicendo che non dovrebbe dire cose come se fosse umana.

Takizawa lancia senza sforzo Sasaki in giro, ripetutamente chiamandolo debole. Anche quando Sasaki usa il suo kagune, non ha alcun effetto. L'attacco di Sasaki si ritorce contro quando Takizawa lo afferra per il kagune e lo sbatte contro i sedili. Takizawa non può credere di essere paragonato a qualcuno che considera così debole, quindi si riferisce a Sasaki con il suo vecchio nome, "Kaneki Ken". Sasaki inizia ad avere un esaurimento nervoso.

In una stanza di controllo nascosta, Scarecrow siede di fronte a un pannello di controllo quando si imbatte in uno dei pulsanti. Si chiede cosa ha premuto.

Naki e Ayato Kirishima uccidono facilmente un gruppo di Ghoul Investigators da soli. Due investigatori troppo sicuri progettano di assumere "Coniglio" da soli assumendo che si sia stancato. Esaminano la loro strategia per sconfiggerlo usando la debolezza di un ghoul del tipo ukaku, combattimento ravvicinato, quando Ayato li decapita con un attacco a distanza ravvicinata usando il suo kagune cristallizzato.

Akira Mado combatte contro Miza che sta diventando sempre più annoiata poi fugge. Un investigatore si avvicina ad Akira e la informa che alcuni dei più giovani investigatori di un'altra squadra sono diretti verso Rabbit. Decidono di formare una squadra per contrastare l'abilità di Ayato nel combattimento ravvicinato ea lungo raggio. Si dirigono verso la posizione di Rabbit.

Con un gruppo di membri di Aogiri , Hinami Fueguchi ascolta da un tetto usando la sua acuta audizione per valutare cosa farà il prossimo CCG. Ordina a Miza, Ayato e agli altri di ritirarsi mentre gli investigatori si stanno riorganizzando e si dirigono verso la posizione di Ayato.

All'improvviso, si sente un urlo terribile che rimbomba in tutto il centro. Mentre gli investigatori confusi si interrogano a riguardo, Takizawa può essere ascoltato attraverso gli oratori, stupito che una cosa del genere sia stata resa disponibile. Con un pubblico, è desideroso di continuare. Akira contatta Matsuri Washuu e chiede di sapere chi sta combattendo Sasaki.

Shirazu riconosce le urla di Sasaki. Hayashimura gli permette di andarsene, ma sviene dallo sfinimento. Dopo averlo deposto, Yonebayashi va ad accendere uno dei monitor e rimane scioccato da ciò che vede. Anche le urla più terribili e tirate fuori emanano e Hinami guarda lontano.