FANDOM


Karren von Rosewald

Kanae von Rosewald

Kanae cover vol 4
Dati biografici
Nome Karren von Rosewald

Kanae von Rosewald

Nome Giapponese カレン フォン ロゼヴァルト

カナエ フォン ロゼヴァルト

Romaji Karren fon Rozevaruto

Kanae fon Rozevaruto

Specie Ghoul
Stato Deceduta
Età 18[1]
19 (dal volume 4 di :re)
Genere Femmina
Data di nascita 23 Aprile[2]
Altezza 168 cm[1][2]
Peso 57 kg[1][2]
Gruppo sanguigno B[2]
Affiliazioni Famiglia Tsukiyama
Parenti Shuu Tsukiyama (cugino)[3]
Mirumo Tsukiyama (zio)
Tsukuru Tsukiyama (nonno)[3]
Emma von Rosewald (madre)
Padre di Karren von Rosewald
Nathanael von Rosewald (fratelllo)
Arunolt von Rosewald (fratello)
Famiglia Rosewald (deceduti)
Famiglia Tsukiyama (parenti)
Circoscrizione 21
Tipo Rc Rinkaku[2]
Debutto manga Capitolo 1 di :re
Galleria Immagini

"Nella mia vita ho avuto la sfortuna di non poter vivere cone me stessa. Ma ho avuto la fortuna di poter morire come me stessa. Io davvero merito questa felicità?"

— Karren von Rosewald, Tokyo Ghoul:re, Capitolo 57

"Ho visto il dio della morte. Era bellissimo"

— Karren von Rosewald, Tokyo Ghoul:re, Volume 5

Kanae von Rosewald (カナエ フォン ロゼヴァルト,Kanae fon Rozevaruto, a volte anche 叶, Kanae) nata come Karren von Rosewald (カレン フォン ロゼヴァルト, Karen fon Rozevaruto) era una ghoul dipendente presso la Famiglia Tsukiyama.

Era l'unica sopravvissuta della Famiglia Rosewald, una parte della famiglia Tsukiyama che risiedeva in Germania. Quando Kanae aveva 10 anni, la sua famiglia è stata sterminato da Matsuri Washuu, ai tempi investigatore di secondo grado, e dalla sua squadra.

Kanae, e per estensione tutti i dipendenti della famiglia Tsukiyama che cacciano molto per aiutare Shuu Tsukiyama a riprendersi, vengono chiamati Rose (ロゼ, Roze), e diventano gli obiettivi principali di una grande investigazione.

Da notare che dall'introduzione del personaggio si è sempre pensato che fosse un ragazzo, ma il capitolo 52 e i successivi rivelano la vera identità di Karren e i motivi per cui la ragazza ha assunto l'identità di Kanae.

Aspetto fisico Modifica

Kanae è una giovane donna attraente e dalla figura androgina, che somiglia molto a suo cugino Shuu e a sua madre Emma. Ha i capelli viola e il taglio di capelli ricorda quello di Tsukiyama quando era al liceo. Un tratto caratteristico sono le folte e curate sopracciglia. Solitamente indossa le divise della servitù della famiglia Tsukiyama. È spesso associata alle rose. Sotto l'identità di Kanae, si veste e si comporta da uomo, nascondendo così la sua identità.

Quando è a caccia, indossa un trench nero e un velo da vedova, che è l'uniforme da caccia standard della famiglia Tsukiyama. Durante l'Asta, indossa una semplice maschera che le copre la parte superiore del volto. Dopo essere stata catturata e torturata da Eto, il suo aspetto cambia significativamente. Indossa un pesante trench nero simile a quello di Noro e calza degli anfibi. Sulla sua nuova maschera, anch'essa simile a quella di Noro, è disegnata un'enorme bocca e molti piccoli occhi.

Personalità Modifica

Kanae è costantemente sotto stress, disperandosi per lo stato catatonico in cui si trova Tsukiyama dopo la "morte" di Kaneki. Parla con le rose e secondo Chie Hori è una cosa che capita spesso. Quando parla tende a inserire nel discorso alcune parole in tedesco. È una ragazza molto teatrale e drammatica. Sembra gli piacciano molto i fiori, le rose in particolare.

Kanae è molto possessiva nei confronti di Tsukiyama ed gelosa di tutte le persone estranee alla famiglia che interagiscono con lui. Per questo motivo odia Chie Hori e Kaneki/Haise Sasaki. Farebbe di tutto per Tsukiyama infatti all'Asta tenta di comprare e poi rapire Tooru Mutsuki, pensando che possa aiutare Tsukiyama a riprendersi e più avanti non esita a ingaggiare l'Albero di Aogiri per disfarsi definitivamente dei quattro Quinx.

Sebbene sia molto leale e riconoscente alla Famiglia Tsukiyama, che l'ha accolta dopo essere rimasta sola, nel momento in cui si trova costretto a scegliere tra la famiglia e Shuu, è molto combattuta. Infatti Karren vuole bene sinceramente a tutti i membri della Famiglia Tsukiyama,[4] che sono per lei una seconda famiglia.

Dopo le terribili torture fisiche e psicologiche di Eto, dimostra chiari segni di instabilità, ma rimane comunque fedele a Shuu.

Storia Modifica

Passato Modifica

Karren von Rosewald nasce e cresce in Germania, ed era la figlia più piccola della Famiglia Rosewald, un potente clan di ghoul tedeschi. Quando ha 10 anni, la sua famiglia è vittima di un attacco da parte degli investigatori tedeschi, a cui partecipa anche Matsuri Washuu. La famiglia è costretta a dividersi.

Karren

Kanae giunge a Tokyo

Il padre rimane nella loro residenza a Brema per permettere a sua moglie Emma von Rosewald e ai loro figli, Karren, Nathanael von Rosewald e Arunolt von Rosewald di scappare. Chiede ai figli di vivere e portare avanti il nome della famiglia. Emma, che probabilmente era già malata, muore di stenti poco dopo la fuga. Rimasti soli, Karren e i suoi fratelli continuano la fuga, ma gli investigatori sono implacabili e i sia Nathanael che Arunolt muoiono per proteggere Karren. Alla fine, Karren riesce a raggiungere gli Tsukiyama in Giappone, e decide di prendere il posto dei suoi fratelli che si sono sacrificati per lei, assumendo l'identità dell'erede maschio dei Rosewald. In questo modo potrà realizzare il desiderio di suo padre di portare avanti il nome della famiglia. Decide di assumere l'identità maschile di Kanae, combinando l'iniziale del suo nome con le iniziali dei nomi di sua madre e dei suoi fratelli.[5] Da quel momento, la sua vera identità rimane segreta.

Kanae è imparentata con gli Tsukiyama, essendo Shuu suo cugino e Mirumo suo zio. La sua adozione viene considerata dai domestici degli Tsukiyama un atto nobile e di carità.[6] Shuu Tsukiyama si mostra subito gentile con Kanae, all'epoca solo una bambina di 10 anni, e la consola mostrandogli la serra e le rose di famiglia. Kanae è impressionata e da quel momento diventa estremamente leale e riconoscente a Shuu e alla sua famiglia.

Passano gli anni e, durante un allenamento con Matsumae, Kanae sta male. Matsumae le chiede per quanto tempo vorrà continuare a mantenere il segreto e si preoccupa per la sua salute. Kanae risponde che è la sua testardaggine a farla andare avanti, il suo compito. Kanae sa che, con il tempo, tutti all'interno della famiglia ormai sono a conoscenza del suo segreto anche se non ne parlano. Tutti, tranne Shuu, secondo Kanae.

Caso Torso Modifica

Kanae

Kanae parla con una rosa

Kanae viene vista piangere disperatamente per Tsukiyama mentre parla con una rosa. Chie Hori gli fa notare che sta di nuovo parlando coi fiori.[7]

Più tardi è vista con una valigia (contenente del cibo) da consegnare a Tsukiyama, costretto a letto.

Caso Nutcracker Modifica

Chie riesce a recuperare i boxer di Sasaki e Kanae li porta a Tsukiyama per vedere se riconosce il suo odore. Tsukiyama dice che il suo senso dell'olfatto è peggiorato molto, ma avverte qualcosa di nostalgico, tuttavia Kanae riferisce a Chie che Tsukiyama non ha provato nulla. Chie capisce che Kanae sta mentendo. Oltraggiata, Kanae minaccia di uccidere Chie, al che lei risponde tranquillamente che probabilmente non farebbe piacere a Shuu se le succedesse qualcosa e Kanae si irrita.[8]

Compare in seguito in un parcheggio a più piani, intenta a cacciare qualcosa degno del suo padrone. È addolorata per la situazione in cui si trova Shuu e incolpa Kaneki di tutto. Gelosa e arrabbiata, una volta avuta la conferma che Sasaki è Kaneki, decide di ucciderlo e di non rivelarlo a Tsukiiyama. Pensa poi all'imminente Asta, dove spera di trovare qualcosa di sostanzioso da mangiare per Shuu.

Asta Modifica

Kanae prende parte all'Asta insieme a un'altra dipendente degli Tsukiyama, Matsumae. Nota che ci sono molti ghoul avvolti da un mantello e capisce che sono guardie del corpo. Assiste alla gara di prezzo tra Big Madam e Croque Monsieur per un attore che, secondo Kanae, ha fatto il suo tempo e non ne vale la pena. Matsumae gli fa segno di fare silenzio. Viene colpita da Tooru Mutsuki, che viene scambiato per un ghoul da un occhio solo.[9] Vuole comprarlo assolutamente perché pensa sia quello di cui Shuu ha bisogno, ma perde l'Asta contro Big Madam. Matsumae la consola, dicendo che faranno meglio la prossima volta.

Kanae trova Mutsuki

Kanae trova Mutsuki

Quando Juuzou Suzuya scatena il panico tra i ghoul, Kanae ne approfitta per catturare Mustuki. Lo trova, lo ferisce leggermente e ne assaggia il sangue per vedere se ne vale la pena. È commossa per la bontà della sua "preda" e perché ha finalmente trovato qualcosa che Shuu apprezzerà sicuramente.[10] Quando sta per catturare Mustuki, appare Karao Saeki che tende un agguato a Kanae, dato che vuole Mutsuki solo per sé. Nella confusione, Mutsuki scappa, ma viene ferito gravemente allo stomaco dal kagune di Kanae, che tenta di fermarlo.

Anche se non viene mostrato il combattimento, Kanae si sbarazza facilmente di Saeki, che viene malmenato per aver interrotto Kanae. Tuttavia, Saeki non viene ucciso. Kanae va alla ricerca di Mutsuki, lo ritrova e nota con piacere che le sue ferite stanno già guarendo, quindi, può attaccarlo quanto vuole. In quel momento Sasaki salva Mustuki, mentre Kuki Urie e Ginshi Shirazu attaccano Kanae. Dopo qualche istante, Kanae riconosce l'odore di Sasaki e lo attacca preso dalla rabbia.

Si sbarazza di Urie e Shirazu e si ricorda del passato, quando era felice con Shuu e suonavano insieme, lei il violino e Shuu il piano. Kanae incolpa Sasaki di tutte le disgrazie di Shuu. I tre alla fine riescono a sopraffare Kanae, che viene però salvata da Matsumae. Erige un muro di kagune che i normali quinque non riescono neanche a scalfire, prende Kanae e scappano.[11]

Kanae e Matsumae si riuniscono a Mirumo Tsukiyama, che promette di impegnarsi ancora per aiutare suo figlio a riprendersi.

Caso Rosewald Modifica

Kanae - Child

Kanae appena arrivato dagli Tsukiyama

Qualche mese dopo l'Asta, mentre innaffia i fiori, Kanae ripensa alla sua infanzia, quando è stata accolta dagli Tsukiyama come servitrice dopo l'annientamento della sua famiglia.

Piange e sente gli altri servitori che ammirano la bontà di Mirumo nell'aver accolto la bambina. A quel punto, Shuu si era presentato e cerca di rincuorare Kanae. All'epoca Shuu andava alle superiori ed era un ragazzo allegro e affascinante e nota che Rosewald significa "foresta di rose" in tedesco. Shuu accompagna Kanae nel giardino di famiglia, gli mostra la serra dove ci sono delle rose bellissime e chiede a Kanae di vivere in modo splendido, come le rose.[6]

Nel presente, Kanae piange silenziosamente per Shuu e non sopporta che le condizioni del suo padrone siano così penose e tristi.

Kanae e Mirumo non sanno più cosa fare per aiutare Shuu e i servi continuano a cacciare insistentemente nella speranza di far tornare l'appetito al giovane padrone.

Quando la CCG inizia a investigare sulle "Rose", Chie Hori fa visita alla villa degli Tsukiyama e avverte Kanae. Visto che la CCG si sta avvicinando, Chie gli suggerisce che probabilmente la famiglia potrebbe essere annientata prima o poi e che forse sarebbe meglio abbandonare la famiglia per proteggerli. Kanae è oltraggiata e risponde che se non rimane con Shuu allora è tutto inutile.[12] Chie compara la situazione di Kanae a quella di Shuu, infatti, a meno che non abbiano una persona specifica (Shuu per Kanae e Kaneki per Shuu) non potranno mai essere felici. Chie chiede a Kanae se sarebbe in grado di abbandonare la Famiglia Tsukiyama per il bene di Shuu, cosa che tormenterà molto Kanae in seguito.

Mirumo chiede a Kanae di portargli un bicchiere di vino, mentre Kanae ripensava a quando Shuu era alle superiori. Nei suoi ricordi, Mirumo chiede a Kanae di portare un ombrello a Shuu, che sta cantando allegramente sotto la pioggia. Kanae esce volentieri a portargli l'ombrello, ma non appena nota che c'è anche Chie, diventa gelosa e nota che il suo padrone è gentile non solo con i ghoul anche con gli umani.

Kanae piange rispondendo a Shuu

Kanae piange rispondendo a Shuu.

I ricordi vengono interrotti quando Aliza avverte Kanae che Shuu ha perso il controllo e sta attaccando la servitù. Kanae chiede di Matsumae e viene informato che è a caccia, quindi manda Aliza ad avvertire Mirumo e si precipita in camera si Shuu. Si scusa con lui e usa il suo kagune per fermarlo, quindi ordina agli altri servi di far ingerire una sostanza a Shuu, che sembra calmarlo. Shuu non si ricorda cos'è successo, chiede come mai siano tutti lì e Kanae gli mente e risponde che stavano facendo le pulizie. Shuu si scusa con tutti loro per il disagio che sta causando, accarezza il volto di Kanae e gli chiede di prendersi cura della famiglia. Tra le lacrime, Kanae gli sorride e gli risponde che lo farà.[13]

Subito dopo, Kanae corre fuori, frustrata e disperata, e va a sbattere contro un albero. Cade a terra e piangendo, pensa a quanto odi Ken Kaneki, Chie Hori e quanto, alla fine, odi anche la sua fedeltà alla famiglia Tsukiyama, che l'ha salvata, a cui vuole bene e a cui deve tutto.

Kanae si ricorda di quello che le ha chiesto Hori, vale a dire se sarebbe disposta ad abbandonare la famiglia Tsukiyama per Shuu, e chiede consiglio a Matsumae. Dopo aver ascoltato Matsumae, Kanae torna da Hori, accettando alla fine il suo aiuto. Hori le consegna delle buste contenenti delle fotografie di Sasaki/Kaneki e le dice in che ordine dovrà consegnarle a Shuu.[14] Dopo aver visto le foto, Shuu vuole vedere Sasaki, Kanae lo accompagna, incontra lui e i Quinx (dato che aveva promesso a Hori di fare quanto Shuu avesse desiderato) e, anche se è confuso perché "Kaneki" non lo riconosce, Shuu inizia rapidamente a riprendersi.

In seguito, in presenza di Mairo, Matsumae e Kanae, Shuu incolpa se stesso perché i servitori erano a caccia per lui. Vuole che Aliza sorrida di nuovo e, determinato a salvare Yuuma, Tsukiyama decide di agire avvicinandosi a Kaneki e facendo amicizia con lui, nella speranza che recuperi la memoria e lo aiuti a salvare Yuuma.

Parlando con Kanae, Tsukiyama dice che è rimasto esterrefatto nello scoprire che Kaneki è al sicuro, anche senza ricordi e che lavora per la CCG. Anche se è obbligato a fare l’investigatore è ancora vivo, ed è questa la cosa più importante. Decide di aiutarlo a recuperare i ricordi, in quanto presume che sia impossibile che voglia lavorare come investigatore. Kanae è felice che Shuu stia meglio, ma lo avverte della pericolosità del suo piano.

Poco dopo chiama Chie per aggiornarla sulla situazione e lei le dice che può consegnare la seconda busta di foto a Tsukiyama. Poi Chie aggancia di tutta fretta. Per aiutare il Shuu, che vorrebbe del tempo da solo con Kaneki, ma non riesce mai a parlargli per via della presenza dei Quinx, Kanae ingaggia alcuni membri dell'Albero di Aogiri per uccidere i Quinx (Sasaki, naturalmente, escluso).[15]

Lascia Saiko, Mustuki e Sasaki ad Aogiri, mentre lei si occupa di allontanare dal gruppo Urie e Shirazu. Riesce a sopraffare Shirazu, ma Urie la mette al tappeto ed è costretta a ritirarsi.

Kanae e eto

Eto tormenta Kanae riguardo i suoi sentimenti.

Ancora frustrata per il fallimento, Kanae viene avvicinata da Eto. È sorpresa dal suo odore, non capisce se la creatura che ha davanti è umana o ghoul, ma presa dalla collera, la attacca. Eto la batte senza alcun problema, usando il suo kagune mostruoso, mentre discute con Kanae. Prima gli spiega da cosa dipende la grandezza e la forma del kagune e poi inizia un discorso molto profondo e filosofico. Eto chiede se abbia letto la Genesi, la storia del Frutto Proibito e dell'Albero della Conoscenza. Chiede come pensa sia Dio, aggiungendo che lei considera Dio non come un padre onnipotente, ma come un bambino con troppo potere. Quindi inizia a metter in discussione la relazione di Kanae con Tsukiyama, accusando Kanae di essere solo ossessionata da Shuu, che non tiene davvero a lui, altrimenti sarebbe stata contenta dei suoi miglioramenti. Le dice che le sue azioni sono sempre egoistiche, vuole solo controllare Shuu e uccidere Sasaki perché lo detesta. Aggiunge inoltre che i suoi sentimenti per Shuu non verranno mai ricambiati. Kanae non sa cosa rispondere ed è in preda al panico. A quel punto Eto le assicura che lei diventerà il suo nuovo "Dio".[16]

Kanae torturato

Kanae torturata da Eto

Quando Kanae non torna a casa, Shuu è molto preoccupato e chiede alla servitù di continuare a cercarla.

Si scopre che Kanae è stata catturata e torturata da Eto. Viene imprigionata in una stanza con una grande quantità di orologi, mentre viene torturata fisicamente e psicologicamente da Eto. Ha gli occhi e la bocca cuciti.

Operazione di Sterminio della Famiglia Tsukiyama Modifica

Qualche tempo dopo, quando la CCG inizia l'operazione di sterminio della Famiglia Tsukiyama, Kanae appare all'Edificio Lunatic Eclipse, indossando una maschera e una tunica simile a quella di Noro.

KanaepostTorture

Dopo aver ucciso Shimoguchi

Incappa in Nobu Shimoguchi e la sua squadra, che uccide con facilità. Kanae osserva in modo macabro che la testa recisa di Shimoguchi è bella come una rosa. Dopodiché, comincia ad arrampicarsi sui muri esterni dell'edificio per raggiungere Shuu Tsukiyama.[17]

Giunta sul tetto, Kanae taglia il braccio destro di Sasaki, che aveva atterrato Tsukiyama ed era combattuto non sapendo se ucciderlo o no.[18] Kanae continua ad attaccare Sasaki usando una nuova forma del suo kagune, molto più grande. Tsukiyama cerca di fermarla, dicendo che va bene così e può andare, ma Kanae non lo ascolta, afferra Sasaki e gli dice di sparire dalla vita di Shuu mentre è ancora un bel ricordo per il suo padrone, proprio come le rose vengono colte prima di appassire. Prima di lasciare cadere Sasaki dal tetto, l'investigatore l'attacca e la decapita con un calcio.[19]

La testa di Kanae si riattacca al corpo immediatamente, esattamente come fa Noro, anche se Kanae rimane confusa, non capendo bene cosa sia successo. Mentre continua a combattere contro Sasaki e a subire i suoi colpi, ripensa al suo passato in Germania, e al tempo in cui la sua famiglia è stata sterminata dagli investigatori.[5]

Kanae nome

Da Karren a Kanae

È questo il momento in cui viene rivelato per la prima volta che Kanae nasce come Karren, la figlia più piccola dei Rosewald. Il padre rimane nella loro villa per permettere agli altri di scappare, ma ben presto sia sua moglie che i figli maggiori muoiono e Karren rimane sola. Giunta in Giappone dagli Tsukiyama, il ramo principale della famiglia, nonché suoi parenti, decide di rispettare le volontà di suo padre e di continuare il nome della famiglia assumendo il ruolo di erede maschio al posto dei suoi fratelli che si sono sacrificati per salvarla. Diventa quindi Kanae, ricombinando le iniziali dei nomi della sua famiglia e inizia a servire fedelmente la famiglia.

Nel flashback passano alcuni anni e dopo un allenamento con Matsumae, Kanae sta male. Matsumae le chiede fino a quando ha intenzione di mantenere il segreto. SI preoccupa per Kanae, ma lei risponde che è a conoscenza dei rischi di allenarsi così tanto, ma è testarda e deve mantenere la promessa che ha fatto alla sua defunta famiglia. Kanae sa che ormai tutti sono a conoscenza del suo segreto. Tutti tranne Shuu, secondo lei.

Ripensa anche alle crudeli torture di Eto. Le cuce gli occhi e la bocca mentre la obbliga a fare un gioco d'associazioni. Eto dice una parola e Kanae deve rispondere con un'altra parola o espressione. Quando Eto dice "donna", Kanae risponde semplicemente "donna". Kanae ripensa a quando ha indossato un uniforme femminile, pensando, con un sorriso triste, di essere troppo "spigolosa", mentre Eto continua a infierire puntando sulle sue insicurezze. Kanae giunge alla conclusione che voleva semplicemente essere amata.

Nel presente, Sasaki si avvicina minacciosamente a Kanae, ma Shuu, anche se non ha speranza contro di lui, ferma Sasaki, proprio prima che il Gufo attacchi l'investigatore.

Istigata da Eto, Kanae attacca nuovamente Sasaki, a sua volta ferito. Lo trascina in giro e inizia a colpirlo alla testa. Dopo un breve periodo, Sasaki si risveglia come Kaneki e le taglia il braccio, proprio come Kanae aveva tagliato il braccio di Sasaki. Mentre Kanae urla di dolore, Kaneki afferra con il kagune una barra di metallo e la conficca nell'occhio sinistro di Kanae, dicendole di tacere. Kanae, ulteriormente ferita, attacca di nuovo Kaneki, che evita i suoi attacchi e le trafigge l'addome con il kagune, lasciandola a terra mentre lui combatte contro Eto.[20]

Chapter57

Karren

Dopo la ritirata di Eto, Ui e la sua squadra raggiungono il tetto, pronti a uccidere Shuu e Kanae. Kaneki dice che si occuperà di Shuu, lo trafigge con il kagune e lo tiene sospeso a mezz'aria, pronto a farlo precipitare dal tetto. Kaneki continua a guardare a Kanae e solo dopo, lancia Shuu nel vuoto. Kanae si precipita a tentare di salvare Shuu, cadendo con lui.

Shuu dice di lasciarlo andare e di salvarsi, ma Kanae si rifiuta. Inizia a parlare a Shuu in tedesco, la sua lingua madre, dicendogli che lo salverà, anche a costo della vita. Kanae esprime l'ultimo desiderio, ovvero di essere chiamata col suo vero nome. Sa che forse è una richiesta vuota, ma vuole gridare al mondo come si sente almeno una volta prima di morire. Confessa a Shuu di amarlo e chiede perdono alla sua defunta famiglia e a Shuu per essersi innamorata di lui. Shuu le prende il volto tra le mani e la rincuora parlando a sua volta in tedesco, dicendo che va tutto bene, che nessuno la punirà e la chiama Karren.

Commossa, Karren rimpiange di non aver potuto vivere la vita che avrebbe voluto, ma è felice che, almeno nei suoi ultimi momenti, possa vivere e morire come se stessa, dopo essere stata finalmente riconosciuta. Usa la sua kagune per afferrare Shuu e lanciarlo in aria, salvandolo da morte certa. Mentre Karren precipita, pensa se meriti di essere così felice. Si schianta a terra e se ne va con un sorriso.[21]

RelazioniModifica

Shuu TsukiyamaModifica

In quanto dipendente della Famiglia Tsukiyama, Kanae è molto devota al suo padrone/cugino Shuu. In originale, lo chiama "Shuu-sama", dove "-sama" è un onorifico formale con cui si dimostra molto rispetto. Da bambina, quando Kanae giunge in Giappone dalla Germania dopo che la sua famiglia è stata sterminata, Tsukiyama si dimostra subito gentile e amichevole nei suoi confronti. Prova a tirarla su di morale mostrandole il giardino di rose e incoraggiandola dato che hanno lo stesso sangue. Kanae sembra prendere a cuore queste parole, ed è spesso disegnata con delle rose. In passato, erano soliti suonare insieme Shuu il piano e Kanae il violino.[11] Tsukiyama viene informato da Matsumae che Kanae è una persona di talento.[5]


Mette i desideri di Shuu davanti ai suoi e lo supporta nelle sue decisioni, anche se lo avverte dei rischi che potrebbe correre. Kanae è innamorata di Shuu, ma sapendo di non essere ricambiata, le basta rimanere al suo fianco per servirlo e fa attenzione a non rivelare i suoi veri sentimenti. Tuttavia, è gelosa nei confronti delle persone estranee alla famiglia che hanno una relazione importante con Shuu, specialmente di Chie e Kaneki.

Quando Shuu è debilitato, lo accompagna dove necessita e si prende cura di lui. Oltre a svolgere varie commissioni per lui, Kanae imita anche il suo comportamento teatrale e il suo modo di vestire.

Eto si approfitta dei sentimenti non corrisposti di Kanae, usandoli per aizzarla ulteriormente contro Sasaki.

Quando, nei suoi ultimi momenti, Karren confessa i suoi sentimenti per Shuu. È sorpresa perché pensava che Shuu non conoscesse il suo segreto, invece la chiama con il suo vero nome. È contenta che Shuu la rincuori e, anche se triste per non aver potuto vivere la vita che avrebbe voluto, è felice che Shuu l'abbia riconosciuta e che possa vivere, anche solo per pochi attimi, come se stessa.[21]

Chie HoriModifica

Chie chiama Kanae con l'onorifico giapponese "-kun". Anche se sia Chie che Kanae conoscono Shuu da molto tempo e siano vicine a lui, non vanno molto d'accordo. Kanae guarda Chie dall'alto in basso la ragazza umana e spesso la insulta dicendo che è un "ratto", o altri insulti in tedesco. Kanae sembra essere molto gelosa di Chie e della sua relazione con Shuu. Anche se Chie ha cercato di aiutare Shuu durante il periodo di depressione, Kanae non le è riconoscente e minaccia anche di ucciderla. Chie non si fa ingannare da Kanae, capisce le sue intenzioni e questo tende a irritare Kanae ancora di più.

Più avanti, dato che le condizioni fisiche e psicologiche di Shuu continuano a peggiorare, per disperazione, Kanae arriva a chiedere consiglio a Chie e alla fine accetta di collaborare con lei per il bene di Shuu. Riconosce che è intelligente e che è un'amica leale per Shuu.

Ken KanekiModifica

Lo detesta e cova risentimento nei suoi confronti perché lo incolpa della depressione che ha colpito Shuu. All'inizio Kanae pensa che Shuu abbia semplicemente bisogno di cibo di qualità per riprendersi, senza bisogno che sappia che è ancora vivo. Quando le condizioni di Shuu peggiora, si rassegna a collaborare con Chie, rivelando a Shuu che Kaneki è ancora vivo, anche se senza ricordi, ed è disposta a fare in modo che Shuu e Kaneki si rivedano.

Dopo le torture fisiche e psicologiche di Eto, l'astio che prova per Kaneki si trasforma in desiderio di ucciderlo.

Mirumo TsukiyamaModifica

È suo zio e il capofamiglia. Miruma ha permesso a Kanae di unirsi alla famiglia dopo che i Rosewald furono uccisi dagli investigatori tedeschi. In cambio e in segno di riconoscenza, Kanae diventa parte della servitù. Kanae risponde direttamente a Mirumo, tenendolo aggiornato riguardo Shuu durante la malattia.

MatsumaeModifica

Sono entrambe impiegate degli Tsukiyama e hanno un rapporto professionale e amichevole. Matsumae ha salvato Kanae all'Asta e sembra badi a lei. Kanae d'altra parte si preoccupa per lei quando viene ferita dopo l'agguato della CCG e le chiede dei consigli, tenendo in alta considerazione le opinioni della donna.

In un flashback viene mostrato che Matsumae e Kanae erano solite allenarsi assieme e avevano una relazione amichevole e positiva. Matsumae si preoccupava per la salute di Kanae ed era a conoscenza del suo segreto. Matsumae considerava Kanae una persona di grande talento, tanto da lodarla anche in presenza di Shuu.

Famiglia RosewaldModifica

Ha molto a cuore la sua famiglia e dopo la loro morte, cerca di comportarsi da buona erede del suo nome.

Famiglia TsukiyamaModifica

Vuole bene a tutti i membri della famiglia Tsukiyama e gli è fedele. Poco a poco, tutti i servitori vennero a conoscenza del segreto sulla sua identità, Kanae lo sapeva, ma per via di un tacito accordo, nessuno ne parlava, dimostrando di capire la sua decisione.

EtoModifica

Eto si interessa a Kanae perché capisce che può sfruttare i sentimenti che prova per Shuu a suo favore. Usa le insicurezze di Kanae contro di lei, obbligandola a confrontarsi con i veri sentimenti che prova per Shuu. Durante le torture, Eto riesce a convincerla ad agire per il suo padrone, ma in realtà, Eto la sta usando per i suoi scopi.

Poteri e abilitàModifica

Fisiologia Ghoul: ha un kagune rinkaku e, come tutti i ghoul, possiede abilità fisiche potenziate. Dopo la tortura di Eto, possiede capacità rigenerative superiori alla norma.

  • Kagune Rinkaku: è in grado di creare fino a 6 tentacoli, che in punta si arricciano in modo che ricorda una vite.[22] Dopo la tortura, il kagune è un gigantesco tentacolo con bocche.[19]
  • Rigenerazione Sovrumana: riesce a riattaccare la testa in pochi secondi dopo che Sasaki la decapita.[5] Sembra essere implicito che queste capacità derivino da qualcosa che Eto le ha fatto durante le torture.

Curiosità Modifica

  • Il suo cognome significa "foresta di rose" in tedesco.
  • Nelle Carte da Gioco ufficiali, è il Fante di Cuori. Nella seconda versione del Mazzo, l'Edizione venduta al Jump Festa 2015, Kanae è uno dei tre nuovi jolly.
  • Nella sua biografia all'interno del volume 4[3] di :re viene confermato che è imparentata con gli Tsukiyama. Proviene da una parte della famiglia Tsukiyama che risiedeva in Germania ed era la figlia più piccola dei Rosewald. La parentela è dovuta a suo nonno, Tsukuru Tsukiyama.
    • Nella stessa biografia, viene rivelato che le sue capacità includono suonare il violino, cucire i vestiti e riparare le scarpe.
    • Le sue occupazioni includono annaffiare i fiori e prendersi cura di Shuu.
    • Nel profilo del volume 4, viene identificata come un maschio, ma più tardi viene rivelato che in realtà è una ragazza. Questo per evitare spoilers contenuti nel volume successivo.
  • Lo pseudonimo che sceglie giunta in Giappone, "Kanae" è formato unendo la prima lettera dei nomi della sua famiglia: Karren - Nathanael - Arunolt - Emma.[5]
  • Nella biografia del personaggio nel volume 5, viene identificata come ragazza. Viene rivelato inoltre che vuole bene a tutti i membri di casa Tsukiyama e che ama Shuu.[4]
  • Nel Calendario 2016 appare in alcune illustrazioni, tra le altre: da piccola con Shuu il 20 luglio nel giorno dell'Atterraggio sulla Luna, il 7 agosto nel giorno dei fiori, il 28 agosto nel giorno del violino e il 7 novembre nel giorno della saggezza, ritratta mentre sta per mangiare una mela, richiamo alla Genesi, citata da Eto.
  • Nel capitolo 14, si pensava che Matsuri Washuu avesse eliminato la famiglia "Rosenwald" e non "Rosewald", per questo si pensava che Kanae avesse cambiato cognome. In realtà, è stato solo un errore di stampa.

Note Modifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.